Un pacchetto riciclato rende il dono più apprezzato

Rifiuti di NataleNatale è per antonomasia la festa dei regali e, quindi, dei mille pacchetti sotto l’albero, dei dolci, delle cartoline augurali e dei ninnoli tipici, luminosi e non, che riscaldano le nostre case. Ma la festa tanto attesa da grandi e piccoli è tra i primi eventi per spreco e insostenibilità. A essere chiamati in causa ci sono il cibo che finisce in pattumiera, l’energia divorata da luci e presepi in movimento, gli oggetti inutili che presto o tardi finiranno in pattumiera (nel migliore dei casi) ma sopratutto i packaging che avvolgono di colore qualunque cosa “natalizia”. Carte da regalo, nastri, fiocchi, coccarde, adesivi, decorazioni e tanto altro ancora sono ormai, purtroppo, la vera anima del Natale, più importanti finanche del contenuto che nascondono: il cosiddetto pacchetto regalo è ormai davvero irrinunciabile e ogni 25 dicembre carica i nostri cassonetti di un peso gigantesco. Del tutto o almeno in buona parte evitabile.

Cosa rende assolutamente speciale un oggetto presente durante tutto l’anno in un negozio e acquistato nel mese di dicembre per offrirlo in dono? Semplice: il pacchetto. Perché per la nostra cultura, un regalo può essere bello quanto si vuole, ma ma solo avvolto in strati e strati di carta dipinta diventa straordinario. Se non ci avevate mai pensato è bene sapere che come prima cosa la carta da regalo (come purtroppo la maggior parte della carta) viene dalle ultime foreste pluviali gestite da multinazionali asiatiche o del sud del Mondo che la producono e vendono a basso costo; in secondo luogo spesso per ottenere gli effetti “glitterati” o “flu” che piacciono tanto sopratutto ai piccoli e alle ragazze occorre utilizzare tinture e vernici contenenti sostanze se non nocive decisamente poco amiche dell’ambiente e che talvolta rendono impossibile anche il processo di riciclo. In definitiva pochi secondi di entusiasmo sono sufficienti per creare un forte danno ambientale.

Quale allora la soluzione? Non certo rinunciare al pacchetto, tutti amano le sorprese, ma usare meglio ragione e fantasia. Ci sono tanti modi per rendere un regalo davvero bello a cominciare dalla carta utilizzata: in commercio e nelle botteghe equo e solidali se ne trova di riciclata, dai colori pastello ed effetti natura, e nelle nostre case ci sono sempre riviste e quotidiani da riutilizzare in modo sorprendente, ottenendo un piacevole effetto retrò. Per le decorazioni invece è possibile utilizzare cose naturali: fiori, steli di lavanda profumata, paglia o ancora la stessa carta usata per fare il pacchetto, trasformata in semplici origami. L’effetto sarà straordinario e donerà qualcosa in più di davvero unico al regalo, a chi lo riceverà e all’ambiente, il più bisognoso di tutti di un sorprendente Natale green.

Federico Lombardi
Project Manager
Professionista della Comunicazione Digitale

Tutorial "Reuse Paper. Reduce Plastic"