Maya (di Chris Groombridge)

Finalmente, dopo tanto camminare, proprio al Royal Botanic Garden ecco il protagonista assoluto dell’iniziativa Jungle City, il carismatico “guardiano” della giungla, uno degli elefanti asiatici adulti realizzati da Chris Groombridge, tutti uguali ma con nomi diversi, a simboleggiarne il reale rischio estinzione: potremo davvero chiamarli singolarmente tra poco. Tra i tanti, abbiamo scelto Maya: un nome che è avvertimento. Nel nostro piccolo, ricordiamoci di questi grandi animali, forti ma pacifici, che meriterebbero dall’uomo molto più rispetto.

Maya (di Chris Groombridge)

Elefante asiatico: questo mastodontico, regale animale gioca un ruolo assolutamente vitale per l’equilibrio del proprio habitat. La sua estinzione, di per se così drammatica, diviene ancora più spaventosa avendo infatti ripercussioni altrettanto catastrofiche su altre specie di animali e per tutto il suo ecosistema.

Popolazione 100 anni fa: 250.000 esemplari.

Popolazione oggi: 30.000 esemplari.

Perché si sta estinguendo: ancora una volta, il motivo principale della scomparsa di questo nobile animale risiede nella progressiva, inesorabile perdita del suo habitat. Negli ultimi 100 anni, l’elefante asiatico ha visto letteralmente annientare, dall’uomo, il 95% della propria casa.

Jungle City – Edinburgh 2011: leggi l’articolo introduttivo.