La sostenibilità vola: arriva l’elettricottero!

Volocopter, il primo elettricottero

Abbiamo già parlato più volte di veicoli elettrici e di quanto ci piaccia l’idea di diminuire, o annullare del tutto magari, l’inquinamento, senza rinunciare all’utilizzo dei moderni strumenti di spostamento e alla loro indubbia comodità. Quello di cui invece non vi abbiamo mai parlato è di spostamenti elettrici a lungo raggio. Questo non perché ci sia sfuggito, ma semplicemente per una mancanza di notizie e passi avanti della ricerca sul tema. Ecco perché siamo felici di raccontare il “viaggio” di Volocopter VC200, il primo elettricottero!

Prodotto dalla società tedesca e-volo GmbH, Volocopter VC200 è dunque il prototipo del primo elicottero elettrico, anche se in realtà non può essere propriamente classificato in alcuna categoria di mezzo conosciuta. Per intenderci, però, non stiamo parlando di elicotteri telecomandati, ma di un vero e proprio aeromobile che sarà in grado di volare per circa un’ora a un’altezza massima di 6500 piedi e di raggiungere la velocità di 100km/h portando 450kg di peso; il tutto, appunto, sfruttando un motore elettrico. Va detto che si tratta ancora come accennato di un “work in progress” (per ora la batteria permette solo 20 minuti di volo), anche se gli ingegneri tedeschi che hanno lavorato al progetto si dicono fiduciosi di riuscire a realizzare il modello definitivo in un futuro non troppo lontano.

Il volo inaugurale, radiocomandato per  ragioni di sicurezza, del Volocopter VC200 è avvenuto nella Dm-Arena di Karlsruhe il 17 novembre 2013: nell’occasione è stato possibile ammirarne nel dettaglio l’incredibile struttura, composta da sei bracci in materiali compositi, con tre rotori ciascuno, per un totale di 18 rotori elettrici con pale a passo fisso. Ogni braccio del rotore è alimentato da tre batterie, di cui due di scorta, per atterrare in sicurezza, in caso d’emergenza. A differenza dell’aviazione convenzionale così esigente, il pilota non deve minimamente preoccuparsi dell’angolo della traiettoria di volo, della velocità minima e di stallo. Il Volocopter è infatti progettato all’insegna della semplicità di volo e della sicurezza: il computer di bordo è dotato di vari sensori, che eseguono il monitoraggio e la compensazione delle condizioni di volo, agendo sulla velocità di ciascun rotore, mentre il pilota deve semplicemente controllare la direzione tramite un joystick, col cruscotto che si riduce a un semplice tablet touchscreen. Grande tecnologia, ma anche grandi semplicità e sostenibilità: ecco il progresso che ci piace e che vorremmo vedere sempre più.

Mattia Accornero
Fondatore di aLabs
Professionista del Web

Video primo volo radiocomandato del Volocopter VC200