Green Hill. La differenza tra vita umana e vita animale

Green HillSe ne sta parlando tanto negli ultimi due giorni, oggi tutti amiamo i cuccioli di Green Hill e vogliamo salvarli a tutti i costi dal loro triste destino. L’opinione pubblica è divisa in due, la maggior parte delle persone esultano alla commuovente vista dei piccoli beagle passati di mano in mano sulle recinzioni dell’azienda che oggi incarna l’essenza del lagher, ma una piccola parte di cittadini denuncia una mancanza di razionalità da parte degli animalisti, tacciandoli di stupidità, dal momento che la ricerca (che salva la vita di tutti, non solo di chi è a favore della vivisezione) ha bisogno anche di quei cani per progredire.

Questi ultimi parlano di furto, di ingresso non autorizzato nella proprietà privata dell’azienda e dunque di legittima applicazione della giustizia per l’incarcerazione di coloro che hanno commesso un reato appropriandosi di “beni altrui”.

Noi suggeriamo di riflettere sulla differenza che passa tra aziende che possiedono beni inanimati e aziende che possiedono vite; per queste ultime forse non è giusto usare un metro di giudizio utile a valutare l’imprenditoria comune. Altrimenti detto, chi alleva animali e ne fa commercio non è uguale a chi produce computer.

Il punto infatti qui è (senza andare a monte della questione e quindi sul tema della legittimità della vivisezone), comprendere che una vita va rispettata in quanto vita. A chiunque appartenga.

Continuare a pensare agli animali come a beni di proprietà non solo non ci farà affrontare il problema della vivisezione ma non ci libererà neanche dai fenomeni di violenza compiuti ai loro danni; perché la verità è che se noi tutti pensassimo realmente che la vita degli animali ha un valore e che dunque va rispettata, con ogni probabilità il fenomeno della Marshall o non esisterebbe affatto o sarebbe del tutto diverso da com’è oggi.

Il problema, come sempre, è culturale; è l’antropocentrismo.

Alessandra De Sio
Dott. di ricerca in Marketing
Professionista del Marketing Etico e Ambientale