Auto elettriche, arrivano i bonus

Un nuovo futuro per le auto elettricheLe intenzioni sembrano buone; grazie a una proposta trasversale, nata tra i componenti di quasi tutti i partiti, finalmente è stata messa in scaletta di discussione parlamentare (salvo emendamenti e pressioni delle lobby del carburante fossile) la necessità di creare una mobilità urbana sostenibile. Il testo unificato sull’auto elettrica sarà in discussione in Aula a giugno e prevede uno stanziamento di 420 milioni, da spalmare in tre anni, a partire dal 2013. La norma definisce la creazione di una rete infrastrutturale per la ricarica dei veicoli e la concessione di sostanziosi incentivi per il loro acquisto: si parla di bonus fino a 5 mila euro.

Chi comprerà in Italia, anche in leasing, un’auto elettrica nel 2013 potrebbe dunque approfittare (il condizionale è d’obbligo, vediamo prima cosa si deciderà in Parlamento) di questo contributo per scegliere qualunque veicolo che produca emissioni inferiori a 50 grammi di CO2 a Km.

Entro un mese dall’approvazione del piano infrastrutturale il presidente del Consiglio formulerà indicazioni all’Autorità per l’energia elettrica e il gas, per la “determinazione di tariffe vantaggiose per l’energia elettrica destinata ai veicoli, che incentivino il loro uso soprattutto nella fase di start up di mercato e per il primo quinquennio”.

È il caso di dirlo, fortunatamente questa volta non si è pensato solo a vendere auto, ma anche al futuro del paese; infatti, questa decisione sarà la premessa per una rivoluzione culturale, ambientale e sociale. Forse, quindi, non è lontano quel giorno in cui le nostre città saranno libere da fumi maleodoranti e dannosi e in cui riusciremo a spostarci con maggiore serenità, visto il ridottissimo impatto ambientale dei veicoli elettrici. Se questo progetto vedrà presto la luce ci sarà anche una ventata positiva nell’economia del nostro paese; ancora, lobby permettendo.

Redazione Attenti all’uomo