10 regole per aiutare i nostri amici animali a superare l’estate

animali estatePersiste il grande caldo che ci farà boccheggiare da Nord a Sud e che metterà ulteriormente a dura prova la nostra quotidianità. A soffrire tuttavia non saremo solo noi; per i nostri amici animali (cani, gatti ma non solo) l’estate può diventare davvero un problema, anche perché sono spesso costretti a seguirci nei nostri spostamenti e nelle nostre attività sociali in qualunque momento, adattandosi alla nostra quotidianità. Ecco quindi che l’ENPA ha messo a punto un decalogo di buone norme, essenziali per risparmiare a noi e sopratutto a loro brutte esperienze.

1) Cani e gatti non sudano, ragion per cui quando la temperatura del corpo si alza troppo aumenta il loro battito cardiaco: per scongiurare collassi e inconvenienti lasciate che abbiano sempre a disposizione un luogo ombreggiato e ventilato, dell’acqua fresca e del cibo leggero, facile da digerire.

2) Le auto al sole sono dei veri forni di lamiera. Che i finestrini siano aperti o chiusi la temperatura interna dell’auto può raggiungere anche i 70° percepiti, condannando a morte i nostri amici.

3) Se un animale viene trovato all’interno di un’auto in stato di spossatezza o in difficoltà occorre fare di tutto per aiutarlo. In casi estremi, con la rottura del vetro; l’ENPA offre la sua tutela legale qualora dovessero esserci noie per chi ha prestato soccorso.

4) In caso di ipertermia (riscaldamento eccessivo della pelle), che si verifica con spossatezza, disorientamento e sonnolenza, la temperatura va fatta scendere velocemente: per farlo, si può operare con delle spugnature fredde o con del ghiaccio avvolto in panni di cotone.

5) Evitare sforzi eccessivi e sopratutto nelle ore più calde della giornata è tanto scontato quanto utile da ribadire.

6) Anche gli animali si ustionano al sole: se li portate in spiaggia applicate sulle orecchie e sulle parti più esposte delle protezioni bio o per bambini.

7) Gli animali in boccia o in gabbia sono i più esposti agli sbalzi termici: la natura degli animali non andrebbe mai limitata, tuttavia nel caso possedeste un acquario o una voliera ricordate di garantire le migliori condizioni ambientali (e di vita) possibili.

8) Utilizzate l’antiparassitario giusto per il vostro cane o gatto, è una questione di sicurezza sia relativa al prodotto utilizzato sia agli effetti che i parassiti provocano, ragion per cui assicuratevi che il prodotto utilizzato per i vostri amici sia adatto alla loro razza, peso e altro, oltre che utile a debellare i parassiti specifici del luogo dove risiedete o dove vi volete spostare (anche per un week-end!).

9) Attenzione alle larve di mosca: sopratutto animali come cavie, conigli e altri che permangono per tempi anche brevi (si spera brevissimi!) nelle gabbiette sono prede facili per questi insetti che nel loro stadio iniziale si insinuano nelle ferite e nei tessuti molli dei nostri amici, letteralmente divorandoli.

10) L’asfalto al sole diventa una piastra bollente (ma anche la sabbia). Le zampe dei nostri animali sono certamente strutturate per sopportare meglio suoli caldi, freddi, ruvidi, bagnati; ricordate tuttavia che esse non sono di legno e anzi sono sensibili quanto i nostri piedi. Ogni anno migliaia di animali finiscono in clinica veterinaria con ustioni ai cuscinetti o peggio, non ci finiscono affatto e sviluppano delle vesciche dolorosissime. La regola dunque è la seguente: se è troppo caldo per noi lo è anche per loro.

Ricordiamoci di queste poche regole di buon senso e di questi semplici consigli che possono però fare la differenza e permettere ai nostri amici di trascorrere questa torrida stagione in serenità.

Redazione Attenti all’uomo